Consumata nelle giuste quantità la carne di maiale può essere inserita in una alimentazione varia ed equilibrata. Viene considerata come carne rossa anche se la mioglobina e ferro il in quantità minori rispetto la carne bovina le danno un colorito roseo.

Come per i salumi, anche la carne di maiale deve essere consumata in quantità moderate, soprattutto per le persone a rischio cardiovascolare, perché comunque è una carne che contiene grassi saturi. Mentre gli insaccati sono molto ricchi di sali minerali, ferro, zinco, rame e selenio, e per questo motivo una volta erano considerati l’energico pasto dei contadini che andavano al faticoso lavoro ne campi, l’alta percentuale di sodio, costringe a limitarne il consumo in modo particolare del prosciutto, pancetta, speck, soprattutto da chi soffre di ipertensione. Ricca anche di molte varietà di vitamina B e A, e tenuto conto del profilo lipidico e dell’elevato valore biologico delle proteine, il consumo della carne di maiale viene consigliata nella dieta alimentare varia ed equilibrata in 3-4 porzioni settimanali, alternata a carni rosse o bianche e 1/2 volte la settimana, si possono consumare gli insaccati ma, in quantità contenuta.

Pin It on Pinterest

x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Accetto Non Accetto Centro privacy Leggi altre info sulla nostra Cookie Policy