solfiti, possono causare Allergie e Intolleranze?

additivi-alimentari-come-cause-patologiePer capire cosa sono le intolleranze e le allergie alimentari, abbiamo scelto di consultare l’EUFIC  (European Food Information Council)  che ci rassicura asserendo  che:

“La maggior parte delle persone può mangiare una grande varietà di cibi senza alcun problema e solo una piccola percentuale di individui  può avere reazioni negative a determinati alimenti o componenti alimentari (additivi alimentari chimici), in altre parole:  allergia o intolleranza alimentare.”

Qual è la differenza tra  le due?

Cercando di capire e sintetizzare: “ La reazione negativa al cibo è spesso erroneamente definita allergia alimentare. In molti casi è provocata da altre cause come un’intossicazione alimentare di tipo microbico, un’avversione psicologica al cibo o un’intolleranza ad un determinato ingrediente di un alimento”, per essere più espliciti, un avversione ad uno o più  additivi alimentari.

L’allergia alimentare è una forma specifica di intolleranza ad alimenti o a componenti alimentari  (additivi chimici) che attiva il sistema immunitario. La proteina “non accettata” da alcune persone ( ma per la maggior parte innocua) chiamata allergene, scatena reazioni del sistema immunitario: gli anticorpi.  Gli anticorpi rilasciano una serie di sostanze chimiche organiche, tra cui l’“istamina” che provoca prurito, naso che cola, tosse o affanno.  Perché? Perché il nostro sistema immunitario percepisce queste “alterazioni” come una minaccia e quindi l’organismo per difendersi crea anticorpi. Grazie a queste difese è possibile individuare abbastanza velocemente la proteina estranea che causa questa allergia, ma alcune possono manifestarsi anche dopo due-tre giorni. Fra le allergie sicuramente la peggiore è la anafilassi. Lo shock anafilattico può manifestarsi in  pochi minuti, richiede cure immediate perché la pressione arteriosa precipita e il soggetto può morire di arresto cardiaco se non gli viene rapidamente somministrata adrenalina per aprire le vie respiratorie. Le allergie agli alimenti o ai componenti alimentari (additivi chimici) sono spesso ereditarie e vengono in genere diagnosticate nei primi anni di vita.

“L’intolleranza alimentare coinvolge il metabolismo ma non il sistema immunitario. Un tipico esempio è l’intolleranza al lattosio: le persone che ne sono affette hanno una carenza di lattasi, l’enzima digestivo che scompone lo zucchero del latte” Additivi alimentari e reazioni negative

Ma quanto influiscono sulle allergie e le intolleranze, gli additivi alimentari, i conservanti, i coloranti, i solfiti…  componenti alimentari?

“Se per la maggioranza delle persone gli additivi alimentari non costituiscono un problema, alcuni soggetti che soffrono di specifiche allergie possono essere sensibili a determinati additivi quali alcuni (conservanti) coloranti e i solfiti.” L’Eufic, continua sostenendo che dal momento che “tutti gli additivi alimentari devono essere chiaramente indicati in etichetta” volendo si  possono evitare.  Sembra facile…Additivi-chimici-aggiunti-agli-alimenti

  • Sempre secondo l’Eufic, questi erano i dati  (circa 30 anni fa) delle persone allergiche:
  • “circa una persona su tre ritiene di essere “allergica” a certi alimenti, l’allergia alimentare ha un’incidenza effettiva intorno al 2% della popolazione adulta.
  • Nei bambini, il dato sale al 3-7%, anche se, nella maggior parte dei casi, l’allergia viene superata con l’età scolare”.

Secondo il dott. Matteo Giannattasio, medico e agronomo che collabora con il Sevizio di Allergologia dell’Istituto dermatologico San Gallicano, gli allergici e intolleranti agli alimenti sono sempre di più: “più del 50% pensa di avere un’allergia o un’intolleranza. Le statistiche però dicono che è aumentata l’allergia alimentare: oggi stiamo al 7% per i bambini entro i 3 anni e al 4% per gli adulti. Questa situazione è molto più grave rispetto a quella di 30 anni fa.”
(Non sarà, ci chiediamo noi, a causa di tutti gli additivi alimentari che abbondano nel nostro cibo?)

allergiebambiniContinua con “l’allergia agli inalanti (tra cui il polline) e qui stiamo al 20%, se si va avanti così tra una decina d’anni si arriva al 50%” per finire con gli intolleranti al lattosio: “meno del 10% nei paesi dell’Europa del Nord e fino al 30-40% nel nostro paese.” Un dato ipotetico conclude, “riguarda il glutine che parla di un coinvolgimento di 5 milioni di italiani: l’1% dichiaratamente celiaci, un altro 1% di celiaci non diagnosticati…”

 

Fra residui  di pesticidi, più o meno importanti, fra l’uso di additivi chimici (più o meno) sempre dichiarato, il pericolo è sempre in agguato e i primi a farne le spese sono come sempre i bambini. Noi siamo convinti che si può mangiare ancora senza conservanti, ne coloranti, senza additivi chimici, basta saper scegliere e capire,che esistono piccole aziende che producono come una volta, senza conservanti, senza coloranti, senza additivi chimici e che quello che si paga di più in un prodotto, si guadagna in salute.

 

 

EUFIC

 

GREENME

Pin It on Pinterest

x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Accetto Non Accetto Centro privacy Leggi altre info sulla nostra Cookie Policy