D.ssa Barbara Mercanti

Alimentare la mente si può!

Il potere della fiaba è straordinario, in essa c’è sempre

qualcosa di magico, di fantastico, i protagonisti possono essere animali dal comportamento antropomorfizzato, gli avvenimenti si succedono velocemente e una morale è sempre presente, in modo più o meno esplicito.

Nutrire la mente con le fiabe è possibile!

Man mano che il bambino cresce, è bene sostituire la fiaba con la favola, che è più ricca di canoni realistici. L’ascolto delle favole favorisce nel bambino una maggiore consapevolezza dei suoi stati emotivi, una forte sintonizzazione empatica con l’altro e accresce l’intelligenza emotiva. Attraverso l’ascolto delle favole, si crea un intimo dialogo tra il bambino e il genitore, un feedback reciproco tra il piccolo che ascolta e assimila e il caregiver che racconta. Un qualsiasi racconto costituisce uno stimolo psichico che potenzia la sfera emotiva e cognitiva. Basti pensare alla fiaba del “Gatto con gli stivali”, ricca di personaggi, di immaginazione , anche di risorse e di soluzioni, un capolavoro che raccoglie in sè una forte capacità di problem-solving. Quando il bambino cresce, alla favola va sostituito il racconto di esperienze vere, uno stimolo che aiuta a potenziare l’ambito linguistico e accresce un appropriato uso del linguaggio, fino a favorire una maggiore efficacia comunicativa. Non raccontare significa favorire l’isolamento, la solitudine, diminuire le esperienze di scambio con l’altro. Le storie entusiasmano i piccoli, li confortano, facilitano l’identificazione con i personaggi inventati o veri che siano, perchè aiutano a fornire risposte alle loro ansie e aprono nuovi orizzonti nella mente.

Pin It on Pinterest

x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Accetto Non Accetto Centro privacy Leggi altre info sulla nostra Cookie Policy