Quando lo zucchero non c’è ma restano le calorie

 

Ancora un interessante articolo da IL SALVAGENTE….

Le linee dietetiche sono molte, l’industria alimentare sfrutta il filone e la moda del “leggero a tutti i costi” prende piede. Nei prodotti “sugar free” gli edulcoranti sostituiscono il saccarosio. Chi ha necessità di controllare il peso o tenere a bada la glicemia deve fare attenzione. Il Salvagente ha messo a confronto 12 tipi di tavolette senza zucchero, sia fondenti che al latte

 

IMG_0035_2-1024x768Si legge “senza zucchero” e si pensa “light”. L’equazione è immediata, il collegamento logico. Almeno per i più. Il settore degli sugar free gioca sull’equivoco, ossia la falsa illusione di mangiare leggero, e si espande. Non più solo gomme o caramelle, ma addirittura biscotti, marmellate e cioccolato. Prodotti perfetti per mettere a tacere la coscienza in caso di “trasgressione” ma decisamente sconsigliati per chi vuole tenere sotto controllo il peso. Perché togliere lo zucchero non vuol dire eliminare le calorie.

Grassi e calorie.

Il settimanale il Salvagente, nel numero in edicola da giovedì 25 novembre, ha preso in esame le tavolette di cioccolato “senza zucchero” vero e proprio “rifugio” per gli amanti dei dolci costretti in un qualche regime alimentare e dietetico. Un campione di 12 prodotti, fondenti e al latte, acquistati in bar, supermercati e farmacie. Tutti sostituiscono il saccarosio (il comune zucchero) con edulcoranti (non sempre ugualmente tranquilli, spiega il settimanale dei diritti dei consumatori) e tutti si caratterizzano per la consistente presenza di grassi, dal 30 al 40% del totale. Il risultato è inevitabile e poco incoraggiante per chi cerca di tenere a bada la linea: il cioccolato senza zucchero, soprattutto al latte, è tutt’altro che leggero.

Si va dalle 423 calorie per 100 grammi di prodotto di Diet Line fino alle 498 kcal di Venchi Chocolight: valori che poco si differenziano da quelli delle tavolette zuccherate tradizionali (mediamente il cioccolato al latte ha un apporto calorico pari a 565 kcal per 100 grammi). Non va meglio alle tavolette di fondente: solo quella di Cuorenero, l’unica che può esporre la scritta “a ridotto contenuto calorico”, vanta il 30% di calorie in meno rispetto a una fondente tradizionale (542 kcal per 100 grammi).

 

Il parere della Nutrizionista

È per questo che Letizia Saturni, nutrizionista e tutor del master in Dietetica e nutrizione dell’Università Politecnica delle Marche non ha dubbi: “Anche a chi segue una dieta ipocalorica consiglio, per uno sfizio, di scegliere un cioccolato tradizionale. Non solo la differenza con quelli senza zucchero non è così rilevante ma soprattutto quando si sceglie un prodotto presunto light si tende a esagerare. Il consiglio, al massimo, è di optare per il fondente: il latte aggiunge una componente di grassi e quindi più calorie”.

Aggiungiamo molto volentieri che trovare un cioccolato artigianale, fatto con materie prime scelte e epossibilmente senza conservanti, senza coloranti e additivi chimici.

Pin It on Pinterest

x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Accetto Non Accetto Centro privacy Leggi altre info sulla nostra Cookie Policy