Come riconosci i prodotti migliori? Leggi l’etichetta

Additivi alimentari. grassi transPer imparare a riconoscere i prodotti più sani non è necessario essere laureati in scienze dell’alimentazione ma fare un po’ di attenzione prima di mettere, quasi automaticamente, i prodotti nel carrello della spesa e, riflettere. Molti sono oggi i siti d’informazione che aiutano i consumatori a fare scelte più sane e consapevoli ma prima di tutto vogliamo presentarvi il nostro pensiero:

Un prodotto sano costa necessariamente più di un prodotto industriale perché le materie prime, gli ingredienti e le lavorazioni fanno la differenza. Proprio come nell’abbigliamento e in tutti gli altri settori

Come riconoscere e confrontare

Confrontare le etichette nutrizionali tra prodotti analoghi indubbiamente vi aiuta a fare una scelta migliore. Per molti prodotti è vero, non è nemmeno necessario leggere l’etichetta perché  le descrizioni ci dicono tutto sul prodotto… biscotti al doppio ripieno di cioccolato e crema…  che dire?! O altri prodotti al sapore di formaggio che oltre ad ungere le dita le colorano di un bell’arancio… vi è mai capitato? Bè se li conoscete evitateli! Non sempre comunque è così evidente identificare gli alimenti.Additivi alimentari, grassi trans A volte bisogna essere dei piccoli  investigatori. Confrontare il cibo spazzatura con il cibo sano significa leggere e comprendere le etichette nutrizionali (quando ci sono), individuare gli ingredienti e cercare di capire come vengono preparati .

  • 1)     Leggere l’etichetta nutrizionale di un alimento (ripetiamo quando c’è perché non è ancora obbligatoria) dall’inizio alla fine.
  • 2)     Guardate il numero di calorie per porzione (sempre quando lo trovate) ed esaminate il numero di calorie dei grassi. Il cibo spazzatura generalmente abbonda di molte calorie per porzione e la maggior parte di queste provengono dai grassi.  Il cibo sano al contrario, dovrebbe avere un basso contenuto di calorie e soprattutto, un basso contenuto di grassi. In una dieta di 2.000 calorie il grasso da consumare mediamente al giorno dovrebbe essere meno di 65 grammi.
  • 3)     Cercare di capire che tipo di grasso contiene. Quello che solitamente definiamo cibo spazzatura ha alti contenuti di grassi “cattivi”: trans e saturi. L’American Heart Association raccomanda di consumarne meno possibile (max 1- 2% sul totale delle calorie giornaliere). Fate molta attenzione e cercate dei cibi sani che dovrebbero averne poco o niente.
  • 4)     Cercare di capire la quantità di colesterolo e sodio nel cibo e le percentuali di fibra, vitamine, calcio, ferro aiuta ad eliminare il cibo spazzatura che è completamente privo di questi valori (o al massimo esistono in quantità molto basse). Per essere un prodotto ricco di nutrienti un alimento deve fornire almeno il 20% del fabbisogno giornaliero .
  • 5)     Controllate quanto  zucchero c’è e confrontatelo con gli altri ingredienti del cibo, molto spesso è troppo.  Alimenti come la frutta hanno già  zuccheri naturali che non vengono mai inseriti come valore nell’elenco degli ingredienti. Nel cibo spazzatura spesso troviamo grandi quantità di zucchero aggiunto e spesso “nascosto” da una serie di termini che non conosciamo. Oltre a zucchero possiamo trovare la dicitura: alto contenuto di fruttosio, sciroppo di mais, maltosio, destrosio, saccarosio, miele, sciroppo d’acero e succo di frutta concentrato.
  • 6)     Quando si legge un’etichetta al primo posto vengono sempre messi gli ingredienti in ordine decrescente. Al primo posto troveremo quello più utilizzato, mano a mano a scendere fino all’ingrediente meno usato. Se al primo posto troviamo lo zucchero o il sale o dei grassi è ovvio pensare che sia uno dei primi ingredienti (il cibo spazzatura  usa spessissimo questi ingredienti).
  • 7)     Diffidate anche di prodotti che sono concentrati di vitamine, fibre e nutrienti. Generalmente i prodotti sono più ricchi di uno solo dei valori, gli altri potrebbero essere aggiunti.
  • 8)     Ed infine state alla larga più possibile da tutti i prodotti che hanno conservanti, coloranti e additivi chimici.
  • 9)     Fate molta attenzione a come viene cucinato il cibo. Purtroppo quello che nuoce di più alla nostra salute è spesso fritto o immerso in pastelle ed impanature. Se potete optate per cotture al forno o alla griglia, sono più sane .

Pin It on Pinterest

x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Accetto Non Accetto Centro privacy Leggi altre info sulla nostra Cookie Policy