Nella foto frutta sciroppata senza conservanti, senza coloranti ne altri additivi chimici)

Conservanti (con il codice da E 200 a E 297)

 

I conservanti sono sostanze che prevengono la proliferazione di batteri, muffe e fermenti responsabili del deterioramento degli alimenti e sono utili in alcuni casi ben precisi.

Per esempio, una piccola quantità di solfiti, decisamente minore rispetto ai livelli consentiti dalla legge in vigore, è accettabile nel vino (ma deve essere dichiarata!) perché garantisce una stabilità migliore. I legislatori si dimostrano troppo permissivi, autorizzando conservanti dove sono inutili o inefficaci (aranciate, caramelle, chewing gum, gamberetti…).

Di fatto, non incoraggiano i produttori a essere particolarmente attenti in materia di igiene e di condizioni di conservazione. In conclusione, si può dire che i conservanti sono solo a volte indispensabili. Alcuni possono provocare reazioni allergiche.

Esempi: acido sorbico, acido benzoico, anidride solforosa, nisina. Per evitare i cibi contenenti conservanti è preferibile scegliere prodotti congelati.

 

Pin It on Pinterest

x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Accetto Non Accetto Centro privacy Leggi altre info sulla nostra Cookie Policy