insaccati-contengono-fosfatiFosfati sotto osservazione

I fosfati sono tra gli additivi alimentari più diffusi: si trovano in ben più di 20.000 prodotti alimentari.
I fosfati sono  presenti in molti alimenti ma soprattutto nei proteici, quali latte, pesce, carne, e uova; l’industria alimentare usa i fosfati ampiamente come additivi e sono classificati con la sigla che va da E 400 (E  Europa) a E 495. Vengono solitamente utilizzati nei salumi (per es. prosciutto cotto) e nelle carni in scatola. Nei prodotti industriali di pasticceria, per favorire la lievitazione, vengono utilizzati come agenti lievitanti, mentre per carni, formaggi e insaccati vengono impiegati come addensanti, per mantenerne la tonicità, vengono comunque aggiunti ad alimenti che necessitano una grande lavorazione e sono generalmente associati a prodotti poco salutari come quelli del fast food. A questo scopo vengono utilizzati in dosi relativamente elevate: per questo motivo è consigliabile non abusarne troppo, non consumare ad esempio troppo spesso i salumi che ne contengono discretamente o richiedere espressamente quei prodotti che non ne hanno.
E’ importante sapere che nel corpo umano il metabolismo del calcio è strettamente legato a quello del fosforo e una dieta troppo ricca di polifosfati sottrae calcio all’organismo. Consigliamo come sempre di leggere attentamente le etichette degli alimenti, prediligendo prodotti senza conservanti, senza coloranti, senza additivi chimici e consumando alimenti freschi, possibilmente preparati in casa.
Senza abusare, si possono mangiare i salumi, generalmente tra gli alimenti più ricchi di fosfati, meglio una volta alla settimana. Possiamo comunque  trovarli  anche artigianali, senza aggiunta di additivi.

Perché bisogna evitare di mangiare alimenti con i fosfati?pasta-frolla-ripiena-di-carne-contenente-fosfati

Ci sono alimenti che possono davvero far potenzialmente male. E non stiamo parlando del solito cibo spazzatura, o quello ricco di grassi o zuccheri, ma di cibi che possono passare inosservati.
Sono i cibi che contengono consistenti quantità sostanze come fosfati, calcio e sodio. L’accumulo nel corpo di questi componenti è stato collegato al rischio di ipertensione (o pressione alta), calcificazione delle arterie e malattie cardiovascolari…

Inizia così l’articolo “Gli alimenti ricchi di fosfati fanno aumentare la pressione del sangue “ che vi consigliamo di leggere interamente per capire perché evitare gli additivi chimici ed i fosfati in particolare.

L’ EFSA ha confermato quanto già si sapeva: ovvero che il rischio di malattie cardiovascolari e morti per infarto aumenta se si adotta una dieta ricca di fosfati, ma solo nei pazienti con disfunzioni renali croniche.

I fosfati negli alimenti possono essere presenti sia in forma naturale (il fosforo del cibo), detta anche organica, o in forma artificiale aggiunta (forma inorganica). Le differenze tra le due sono di non poco conto, quindi non sottovalutate mai la vostra spesa.

 

 

Pin It on Pinterest

x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Accetto Non Accetto Centro privacy Leggi altre info sulla nostra Cookie Policy