Mangiare da Campioni è un’arte

FRANCE-FIGURE-SKATING-WORLD-CHAMPIONSHIPS_h_partbSono sempre più numerose le persone che sentono la necessità di muoversi o di svolgere un’attività sportiva perché oltre ad avere una buona linea, la tonicità e l’elasticità dei tessuti, vivere in salute è importante. Ed è importante insegnarlo sin da piccoli ai nostri figli e nipoti,  è sicuramente un buon consiglio che  se poi sosteniamo con l’esempio darà risultati maggiori.

Mangiare come?

Uno degli aspetti più interessanti dello sport è proprio l’alimentazione. Ogni sportivo più o meno seriamente impegnato, la prima cosa che fa è cominciare a riflettere sulla propria alimentazione e a correggere di conseguenza la dieta personale ( per dieta, non intendiamo una dieta dimagrante, come spesso si percepisce, ma dieta nel pieno senso della parola “modo di vivere”. Quindi una dieta corretta o meglio, un corretto modo di vivere è  ancor più importante per chi svolge un’attività fisica intensa, ad esempio gli atleti, come per chi dedica  solo il proprio tempo libero ad uno sport: qualche ora di palestra, o un po’ di jogging,  qualche partita a tennis. Lo scopo dello sport a qualunque livello venga praticato  è portare la persona a raggiungere il proprio stato di salute più perfetto possibile in modo che poi possa averne vantaggi sempre a regime normale. Si fa sport quindi, per stare meglio e  mangiare bene, correttamente,  aiuta a raggiungere questo obiettivo.

Mangiare senza sbagliare

Ispirandoci ai nostri campioni italiani che si stanno sfidando in questi giorni alle Olimpiadi di Sochi, cerchiamo di scoprire qualche segreto.

Se mangiare è un’arte da campioni vediamo qualche errore, che in molti commettono, ed è assolutamente da evitare. Molte persone commettono l’errore di fare grandi abbuffate dopo una gara o dopo qualche competizione sportiva molto impegnativa. Non va assolutamente bene perché l’organismo ha bisogno di riprendersi, dopo l’impegno massimo che ha dato; ha bisogno di eliminare le sostanze tossiche accumulate durate l’attività agonistica, deve riequilibrare i diversi apparati idrici, minerali, vitaminici, per non parlare poi degli zuccheri, grassi e proteine. Quindi a fine gara non  si deve mai mangiare in modo smodato ma piuttosto, subito dopo un impegno sportivo consistente è consigliabile bere due bicchieri d’acqua non troppo fredda con un po’ di zucchero, del limone ed un’aggiunta (minima) di sale se la sudorazione è stata eccessiva. Quando si suda molto, oltre al sodio si perde anche il potassio e quindi in particolare, nei giorni prima  di una prova importante, di una gara, non deve mai mancare nel menù frutta fresca, secca, cioccolato, verdure (tutti cibi ricchi di potassio e vitamina C). più tardi dopo la doccia, si potrà bere un quarto di latte, preferibilmente scremato e a temperatura ambiente. Dopo l’attività sportiva conviene sempre  fare un pasto sobrio insalata mista(senza piatti di carne pesce o salame) con un’insalata verde e un uovo sodo, o formaggio fresco, un panino, uno o due frutti freschi maturi e qualche frutto secco (3/4 prugne, datteri o fichi) l’alimentazione riprenderà regolarmente il giorno dopo. Scegliete sempre cibi sani, freschi senza conservanti, senza coloranti o additivi chimici che non aiutano la vostra salute e particolarmente non fanno bene ai bambini.

 

Mangiare consapevolmente

Alcuni buoni esempi da dare ai vostri figli: le bevande alcoliche non sono adatte per chi fa sport perché l’alcool fa diminuire la vivacità dei riflessi, impedisce la disintossicazione e le calorie che produce non possono essere utilizzate per il lavoro muscolare. Per gli adulti va bene bere un bicchiere di vino durante i pasti per favorire la digestione ma assolutamente no ai bambini, soprattutto al di sotto dei 10 anni.

Ugualmente il caffè, anche questo riguarda solo i genitori. Due o tre caffè durante il giorno sono concessi  (mattino, dopo pranzo) e stesso discorso per bevande che contengono caffeina. Meglio non prenderlo mai prima di competizioni, ci rivolgiamo a chi è più impegnato sportivamente, perché rischia  di creare ansia, piccolo squilibri, palpitazioni, tremori ed emotività.

Non riempiti sempre i vostri figli, e ricordate che un bravo pediatra e il sostegno più importante per aiutarlo a crescere bene, anche e soprattutto se fa sport.

polpettedimelealfornocib

Infine, per tutti quelli che vogliono darsi allo sport senza investirci troppo, ma come sana abitudine per contrastare l’immobilismo e la staticità quotidiana, correre o camminare a passo sostenuto è un ottimo sport a costo zero: non necessitano attrezzature o investimenti particolari se non la buona volontà. Al mattino o a fine giornata vanno benissimo, soprattutto se accompagnati da flessioni sui gomiti, sulle gambe e da  tutti gli esercizi ritmici che riuscite a fare in casa, magari divertendovi con i vostri bimbi.

Pin It on Pinterest

x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Accetto Non Accetto Centro privacy Leggi altre info sulla nostra Cookie Policy