SI DEVE, SI PUò (nella foto tartrazina)

«Una recente ricerca ha dimostrato che alcuni bambini affetti da disturbi dell’attenzione trovano giovamento se evitano certi coloranti di sintesi e alcuni conservanti»

All’inizio non c’erano tutti questi additivi chimici; quelli permessi dall’Unione Europea sono 360, hanno fini tecnologici e molto più spesso commerciali, ma  non hanno alcun valore nutritivo eppure, il cibo “colorato” sembra più fresco, migliore, più invitante…

tartrazinaE102-colorante alimentare

 

Quanto ci attirano nelle vetrine  piatti che sembrano capolavori d’arte, di pittura, di scultura con quegli abbinamenti perfetti sin nelle minime sfumature… Per non parlare poi dei dolci dai colori intensi, decisi  (che a casa non riescono mai) addirittura con foto in quadricromia appiccicate sopra; e quanti ditini schiacciati contro le vetrine per indicare “quello, mamma voglio quello” perché è bello, coloratissimo e ha una forma buffa?!

E le mamme cedono e i colori si mescolano tra le mani, in bocca e nello stomaco…

Sappiamo quanti coloranti e conservanti, quanti additivi chimici mangiamo?

Verissimo è una piccola quantità, cosa vuoi che faccia?!

Ma giorno dopo giorno un pò di conservanti di quà, un pò di coloranti di là, qualche altro additivo su e qualche altro giù non facciamo che riempire di chimica questi piccole creature che crescono con tutti i disagi che derivano dall’assumere quanto non esiste in natura, ma soprattutto quanto non serve!

In poche parole possiamo dire che i conservanti vengono usati perché le industrie alimentari producono ingenti quantità di cibo che viaggiano per il mondo, per mesi e spesso per anni; i coloranti per far si che siano sempre invitanti e perché gli occhi giudichino ancor prima e più che il palato.

Con gli additivi chimici la produzione scorre veloce; una somma di dosi ben equilibrate fa dimenticare spesso le materie prime nei prodotti, sia a chi li prepara che a chi consuma, ma ciò nonostante il trionfo dei sapori sarà certamente assicurato.

Quanto tutto questo può essere salutare per il nostro organismo ed ancor di più per quello di un bambino?

Sempre più spesso,  in adulti e bambini disturbi dalle cause incerte, trovano le loro origini negli additivi: intolleranze alimentari, dermatiti, e molte allergie sono dovute proprio a qualche additivo o ad un accumulo di additivi nell’organismo” Ad affermarlo il Prof.Matteo Giannattasio che, con Carmen Rucabado Romero, ha scritto il libro “Gli additivi alimentari” edito da L’Aratro

libro.gli-additivi-alimentari

E’ giusto farlo crescere i bimbi a dosi di nitriti, nitrati, tartazina, antiossidanti e via dicendo o, possiamo fare qualcosa per loro?

Possiamo fare tanto per loro ma anche per noi, possiamo tornare indietro, possiamo fermarci ed evitare di comprare senza informarci! Possiamo riprendere a fare la spesa cercando di mangiare meno e meglio, riscoprire il piacere di scegliere la verdura e la frutta al mercato, o fermarci a leggere un’etichetta per capire se “paghiamo tanto il niente, o poco il tanto”; possiamo preparare insieme un dolce con poco zucchero e con qualche uovo meno giallo ma più genuino, e raccontare di come le galline dovrebbero razzolare nell’aia. Possiamo scegliere di dare il sapore delle cose buone e sane alla nostra famiglia e di scoprirle insieme.Piccoli gesti che aiuteranno i nostri figli a diventare grandi davvero e aiuterà noi ad essere un pò più mamme.

Questi gli additivi che possono dare allergia o intolleranza:

coloranti : tartrazina e la cocciniglia

conservanti: l’anidride solforosa e i suoi derivati, i sorbati e i benzoati

antiossidanti:  butilidrochinone terziario,  butil idrossianisolo e il butil idrossitoluene».

Senza additivi, quali cibi?

“Prodotti freschi (frutta, verdura, ortaggi, cereali, carne, pesce), salvo qualche eccezione, come i crostacei che possono contenere conservanti, e inoltre il latte, il burro, lo yogurt naturale, la pasta secca, i legumi, il caffè, i succhi di frutta commerciali puri al 100%, il miele e lo zucchero, tutte le acque minerali. Il formaggio parmigiano è l’unico formaggio senza additivi. Polli, uova, trota salmonata e salmone da allevamento convenzionale possono contenere alcuni coloranti che sono aggiunti ai mangimi (tranne nel caso in cui provengano da allevamenti biologici)

dalla  guida “Gli additivi alimentari”

 

Pin It on Pinterest

x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Accetto Non Accetto Centro privacy Leggi altre info sulla nostra Cookie Policy