Quale olio d’oliva e quanti oli in cucina, ma in quale cucina?

Quando pensiamo all’olio immediatamente ci viene in mente l’olio d’oliva spremuto dai meravigliosi ulivi che abitano la nostra Italia in lungo e in largo, o quello scivolato dagli intensi girasoli che colorano l’estate. Ma, non esistono solo questi “oli” ce ne sono tantissimi altri che, lo sappiamo o no, vengono usati in cucina, tra prodotti confezionati e ristorazioni a “buon mercato” , l’olio è più sconosciuto e pericoloso di quanto crediamo, quindi, vediamo un po’…

Per curiosità, conoscete questi oli che girano per il mondo?

Con usi e consumi diversi, perché non tutti gli oli sono uguali e nessuno olio può essere utilizzato per ogni cibo ma ognuno “dovrebbe” avere il suo uso specifico in cucina, questo è un elenco di quelli che potete trovare più facilmente:

 

  • Per la cottura al forno sono considerati i migliori: l’olio di noce di cocco, di palma, colza, e ad alto contenuto di acido oleico l’olio di cartamo e l’olio di girasole.
  • Per friggere, perché resistono bene al caldo: l’olio di avocado, di arachidi, di palma e anche l’ olio di sesamo.
  • Per rosolare, molti sono gli oli usati  tra cui: avocado, colza, cocco, vinaccioli, e ancora olio di oliva, di sesamo e olio di cartamo e di girasole per l’alto contenuto oleico.
  • Per immersione, condimenti e marinate, o da mettere semplicemente in tavola l’olio di lino, di oliva, di arachidi, sesamo tostati o olio di noce.

Olio di..?

olio-di-maisOlio di Avocado: Ottenuto come dice il nome stesso dall’avocado, quest’olio dal sapore di nocciola è composto per più del 50% di grassi monoinsaturi, e questo particolare lo rende una buona scelta per il cuore. Viene usato per condimenti: insalate o pesce sauté, pollo, patate o frutta fritta. Da noi viene più consigliato per la cosmesi.

 

 

Olio di colza:

Canola è in realtà un cugino di cavoli e cavoletti di Bruxelles. In realtà, è una varietà di colza olio-di-colzache fa parte della famiglia di senape, che comprende le verdure sopracitate. E ‘utile per la salute del cuore, grazie al suo profilo degli acidi grassi e omega-3 e basso contenuto di grassi saturi e perfetto per una cottura leggera, per salse, anche per la maionese, o teneri dolci fatti in casa.

n Italia non abbiamo troppa simpatia per questo olio che secondo quanto ci dice laleva, è un olio che “deriva da una pianta modificata geneticamente e sviluppata in Canada che deriva dalla lavorazione della rapa, che fa’ parte della famiglia della senape.”

 

olio-di-coccoOlio di cocco: Ottenuto dalla spremitura del frutto della palma di cocco, ideale per piatti equilibrati e leggermente aromatizzati. Quest’olio è usato particolarmente per preparare popcorn e sfogliatine di patate.

 

 

 

Olio di mais: La maggior parte olio di mais viene estratto solo dal germe del mais kernel ed è di colore giallo dorato; l’olio grezzo invece ha un colore più scuro e più ricco gusto mais. olio-di-maisViene usato per condire insalate e salse dai sapori forti, come i peperoni o aglio. In Italia è usato generalmente per friggere come l’olio di girasole.

 

 

 

olio-di-vinaccioliOlio di vinaccioli: è un olio estratto dai semi di uva, un sottoprodotto dell’industria enologica. Viene usato per condire insalate e verdure crude o salse, sughi e salse. Viene consigliato anche insieme ad aglio e basilico da mettere sul pane tostato, una bruschetta… in Italia non credo proprio!

 

 

Olio d’oliolio-per-la-pelleva: un pilastro della dieta mediterranea e uno degli oli più antichi e più conosciuti oltre che usati. L”olio d’oliva contiene prevalentemente grassi monoinsaturi  che fanno bene al cuore. L’olio extravergine di oliva si ottiene dalla spremitura a freddo delle olive, mentre l’olio di oliva delicato “puro” è una miscela di olio di oliva raffinato e di olio extra vergine di oliva spremuta a freddo. Un filo d’olio crudo su una crema hummus e verdure grigliate è veramente consigliato.

 

arachidi Olio di arachidi: viene da dove ci si aspetta …, dalle noccioline! Ha un contenuto di grassi monoinsaturi relativamente elevato che lo rende “adatto” per il cuore. L’olio di arachidi èconsiderato l’ideale per friggere, anche fritture leggere. I nostri nutrizionisti consigliano invece di usare l’olio extra vergine d’oliva anche quando si frigge.

 

 

Olio di sesamo: è il seme della pianta di sesamo che fornisce olio di sesamo, dall’elevato contenuto di olio-di-sesamoantiossidanti. Olio di sesamo non raffinato è usato spesso come componente chiave nel sapore salse o condimenti. Viene consigliato di usare l’olio di sesamo raffinato per afritture con temperature elevate.

Pin It on Pinterest

x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Accetto Non Accetto Centro privacy Leggi altre info sulla nostra Cookie Policy